A chi sente il ticchettio

Materiali dal convegno
antimilitarista di Trento

(2 maggio 2009)

La guerra è sempre di più il cuore di un mondo senza cuore.

Guerra all’esterno per accaparrarsi le risorse e imporre il controllo geopolitico di intere regioni.

Guerra all’interno per forgiare e difendere una società ogni giorno più precaria, razzista, irreggimentata.

Due forme di guerra che si intrecciano e si condizionano a vicenda, dalla produzione bellica alla propaganda, dalla presenza dei militari nelle strade e nelle scuole alla militarizzazione dei cantieri delle Grandi Opere.

Il mondo in cui viviamo è una gigantesca bomba a orologeria di fronte alla quale l’umanità si divide in due tipi di individui: coloro che sentono il ticchettio e coloro che non lo sentono.

Questo libro è un appello a coloro che sentono il ticchettio, e lo maledicono, e non si rassegnano.

A coloro che vogliono sabotare la guerra e le sue basi.

Edizioni “Rompere le righe”, pp. 160, 5 euro

Indice :

– Introduzione

– Due parole sul convegno antimilitarista del 2 maggio a Trento

– I militari nelle città. Alcune questioni intorno al rapporto NATO
“Urban Operations in the year 2020”

– Impediamo la base militare di Mattarello. Appello agli anarchici,
ai libertari, agli antimilitaristi

– I nuovi progetti della guerra infinita e il fallimento dei rimedi
istituzionali. Il caso Dal Molin a Vicenza

– Gli F-35 e la lotta per contrastarne la costruzione

– Militarismo e resistenza in Sardegna

– Le servitù militari in Sardegna

– Materiali sulla militarizzazione della
puglia

– Contro la macchina da guerra. Lampi di lotta in Germania

La base aerea di Cerklje in Slovenia : servitù militare
del patto NATO

– Torino: storie di lotta contro il razzismo di Stato e gli Alpini
nelle strade

Nocività, militarizzazione, rivolta. Il caso della Campania

– Un contributo da Teramo per il dibattito

Per richieste superiori alle 5 copie si effettua lo sconto del 40%

Siamo disponibili per presentare il libro

Per contatti e richieste:
romperelerighe08@gmail.com


Comments are closed.