Gen 24 2016

L’Angola fa incetta di armi italiane

Tratto da http://antoniomazzeoblog.blogspot.ch

Affari multimilionari in Angola per la holding militare-industriale Finmeccanica. Il governo presieduto da José Eduardo Dos Santos ha sottoscritto un accordo con il gruppo italiano leader nella produzione bellica per il valore complessivo di 212,3 milioni di euro. Nello specifico, la società di elettronica Selex ES fornirà al Centro nazionale di sicurezza marittima stazioni radar e sistemi di comunicazioni che saranno installati lungo l’intera costa angolana (115 milioni); la controllata Agusta Westland fornirà alla Marina militare sei elicotteri (90 milioni), mentre l’azienda Whitehead Sistemi Subacquei consegnerà diversi siluri antinave A-244S per equipaggiare i motosiluranti angolani (7,3 milioni). Il contratto prevede anche l’assistenza e l’addestramento dei militari angolani da parte di personale specializzato Finmeccanica. L’acquisizione dei sistemi d’arma italiani è prevista nell’ambito del Programma di sviluppo della forza navale (Pro-Naval) varato dal governo angolano per modernizzare e potenziare entro il 2017 gli assetti bellici e tecnologici e le capacità di pronto intervento della Marina militare. Continue reading


Gen 24 2016

L’industria di guerra e la Israele – NATO connection

Tratto da http://antoniomazzeoblog.blogspot.ch/

Ammonta a quasi 79 miliardi di dollari il budget finanziario che il governo israeliano ha destinato alle forze armate nei prossimi cinque anni; la metà di essi serviranno a implementare il cosiddetto “Piano Gideon” finalizzato ad accrescerne le capacità di combattere contemporaneamente in più teatri di guerra, “con un arsenale militare idoneo a protrarre gli interventi sia lungo il confine settentrionale con il Libano e la Siria che in altre aree conflittuali come la Striscia di Gaza, la West Bank o in Iran”. Secondo quanto dichiarato dal portavoce del ministero della difesa israeliano, il “Piano Gideon” prevede un’elevata prontezza, un’esemplificazione organizzativa, avanzate capacità di combattimento aereo, marittimo, terrestre e sottomarino, nuove infrastrutture “per rendere più efficiente il controllo delle frontiere”, tagli agli organici del personale militare professionale o di leva, dei servizi di supporto e di quelli non legati direttamente alle operazioni di guerra. Gli strateghi militari di Tel Aviv puntano poi a sviluppare le performance dei centri strategici e delle reti informatiche, creando un Joint Cyber Command che centralizzi tutte le operazioni “offensive” d’intelligence e di raccolta dati sino ad oggi assegnate a diversi soggetti militari. Con il “Piano Gideon” sarà ulteriormente potenziata la dotazione missilistica avanzata grazie all’acquisizione di nuove batterie del sistema di difesa aerea “Iron Dome”, all’installazione dei nuovi sistemi anti-missile a corto e medio raggio “David’s Sling” e “Arrow-3”, all’ammodernamento dell’“Arrow-2” già operativo da alcuni anni, ecc..
Continue reading


Gen 24 2016

Oltre alle navi gialle occhio alla nave rossa

Tratto da nobordersard

Oltre alle note navi gialle Maior e Altinia che trasportano armi e morte in tutto il mondo e soprattutto traportano mezzi militari che fanno la spola tra il porto di Sant’Antioco e il poligono di Teulada . Occorre tenere sotto controllo la Jolly Cobalto la nave ro-ro che il 12 maggio 2015 ha trasportato un carico di bombe prodotte a Domusnovas , dal porto di Genova a Dubai . Le bombe sono servite all’Arabia Saudita per bombardare civili inermi in Yemen . La stessa cosa doveva avvenire verso metà novembre 2015 dal porto di Sant’Antioco , poi si è preferito il trasporto aereo dall’aeroporto civile di Elmas .

Continue reading


Gen 18 2016

Manifesto nazionale sui fatti di Parigi

manifantimilitaristalowQ
QUANDO LA GUERRA TORNA INDIETRO
Verrà la realtà e ci troverà addormentati.
La strage di Parigi ha portato in Europa un orrore che è quotidiano a Kabul, a Baghdad, a Damasco, a Gaza… Dal 1991 le truppe occidentali – comprese quelle italiane – esportano in sempre più territori del mondo la loro splendida civiltà del dialogo e della pace bombardando città, case, ospedali. Le bombe della democrazia hanno provocato centinaia di migliaia di morti e milioni di profughi. E hanno gonfiato di odio innumerevoli cuori.

Continue reading


Gen 18 2016

Bolzano: Di fronte alla cassa integrazione meglio costruire armamenti

Di fronte alla prima cassa integrazione in trent’anni di attività, che durerà da gennaio a febbraio 2016, nello stabilimento Iveco di Bolzano il sindacato UIL esulta tramite Giuseppe Joe Pelella per la nuova commessa da 103,8 milioni di dollari per la costruzione di 16 mezzi blindati anfibi destinati ai Marines americani. Continue reading


Gen 16 2016

Calendario delle esercitazioni militari in Sardegna I° semestre 2016

Anno nuovo abitudini vecchie, dal 7 gennaio i militari hanno ripreso a sparare nei vari poligoni della sardegna. In allegato troverete un’elaborazione sintetica delle 53 pagine di documento sulle esercitazioni in sardegna di questo primo semestre del 2016. Continue reading


Gen 16 2016

Decimomannu: Tedeschi Raus?

Secondo indiscrezioni anche riportate nel servizio di Videolina,non è stata aperta nessuna trattativa per la permanenza dei militari alemanni in suolo sardo stabilita sino a dicembre 2016, questo metterebbe a “rischio”i poligoni di Capo Frasca, Quirra e l’aereoporto di Decimomannu.

Aspettiamo fiduciosi che nessun tavolo venga imbandito per nessun compromesso,

via le basi dalla Sardegna e dal mondo.

Video:
http://www.videolina.it/video/servizi/92192/base-decimomannu-i-sindacati-i-tedeschi-via-l-anticamera-della-chiusura.html


Gen 16 2016

La Maior è a Sant’Antioco: aggiornamento

Da martedì sera la Maior è di nuovo al porto di Sant’Antioco, è arrivata vuota. Ieri mattina sono partiti i primi convogli dal poligono di Teulada verso il porto, fino a tarda sera nel piazzale del porto erano in corso le operazione di caricamento della nave gialla. Continue reading


Gen 16 2016

Modena: Riflessioni su razzismo e frontiere a seguito di alcuni episodi avvenuti nel modenese

La vicenda della “finta esecuzione stile ISIS” di Vignola, in provincia di Modena, è un tema che ha monopolizzato i giornali locali nell’ultima settimana e andrebbe analizzata in un quadro più ampio del “fondamentalismo religioso”.
Per chi non fosse al corrente dei fatti, si tratta del caso di martedì 5 gennaio cinque amici vignolesi vengono fermati da un gruppo di ragazzi nordafricani che, puntando una pistola a salve, chiedono loro se credano in Dio o in Allah. Poi scoppiano a ridere, sparano in aria, e dicono ch’era uno scherzo. Nei giorni seguenti, i cinque raccontano l’episodio ai genitori che denunciano il tutto ai carabinieri. Conseguendone un caso mediatico dai toni allarmisti, uno dei nordafricani si affretta a consegnare la scacciacani in caserma spiegando ch’era solo uno scherzo da ubriachi e scusandosi pubblicamente con i ragazzi e le famiglie; ne ottiene una denuncia per violenza privata. Ma ormai è tardi per i pentimenti; la sicurezza cittadina è messa a repentaglio dalla “follia islamica”. Continue reading


Gen 16 2016

Sardegna – Blocco di mezzi militari a Sant’Antioco

La mattina del 13 gennaio convogli di mezzi militari venivano spostati dal poligono di Capo Teulada verso il porto di Sant’Antioco per essere caricati sulla nave gialla Maior.
Alcune persone hanno teso un cordino d’acciaio su cui era appeso lo striscione “via i militari” in località Is Pabis. Il traffico è rimasto bloccato per qualche tempo, e con le macchine anche il camion della ditta Fratelli Rubino che trasportava un container militare.

Blocchiamo i convogli, inceppiamo la macchina bellica!