Ago 28 2010

US Army Vicenza, Africom e il Rwanda: una lezione di cinismo

di Antonio Mazzeo
A Gabiro, 130 chilometri a nord-est della capitale Kigali, sorge la scuola di addestramento fanteria ed artiglieria delle forze armate del Rwanda. Fu aperta nell’aprile del 1994, il fatidico mese in cui un missile terra-aria abbatté l’aereo in cui viaggiavano Juvénal Habyarimana, presidente del Rwanda, e Cyprien Ntaryamira, presidente del Burundi. Con l’assassinio dei due capi di Stato, il Rwanda precipitò in una delle più sanguinose guerre civili della storia. E la scuola militare di Gabiro divenne uno dei principali centri operativi del “Rwandan Patriotic Front/Army”, l’esercito guidato dall’allora generale Paul Kagame, odierno presidente del Rwanda.
Nel presidio di Gabiro fu pure allestito un campo di prigionia per centinaia di militanti Hutu. Molti di essi, non ne uscirono vivi.
Da qualche tempo nella scuola di addestramento di Gabiro operano alcuni ufficiali di US Army Africa, il comando per le operazioni terrestri delle forze armate statunitensi nel continente africano che è stato insediato l’autunno scorso a Vicenza. I militari, congiuntamente ad un contingente dell’esercito britannico di stanza in Kenya, addestrano il personale delle forze armate ruandesi nelle tattiche d’intervento e “bonifica” di aree densamente abitate, quelle sperimentate in Afghanistan ed Iraq dalla 173^ Brigata aviotrasportata USA di Vicenza.
Non è questo l’unico intervento in terra africana del personale di US Army Africa. Continue reading


Ago 16 2010

TECHFOR 2010: TECNOLOGIE PER LA REPRESSIONE

Si è tenuto dal 17 al 20 maggio scorsi, negli spazi espositivi della nuova fiera di Roma, TechFor- Salone internazionale delle tecnologie per la sicurezza.

Ad inaugurare l’evento presenziava il vicecapo della polizia di Stato, il prefetto Paola Basilone, che dopo il taglio del nastro ha visitato gli stand degli espositori.

“La sicurezza nazionale – ha dichiarato Basilone nel suo intervento di saluto – va perseguita attraverso un coinvolgimento di tutte le forze dell’ordine e le tecnologie sono un elemento imprescindibile per garantire la salvaguardia dei cittadini e del territorio. Il connubio tecnologia e sicurezza è diventato ormai un binomio inscindibile”.

La partecipazione del gruppo Finmeccanica.

A Techfor è spiccata la partecipazione delle aziende Finmeccanica: Elsagdatamat, Selex Sistemi Integrati, Selex Galileo.

Elsagdatamat ha esposto la propria offerta di prodotti e soluzioni a supporto del controllo poliziesco: il lettore targhe automobilistiche, i sistemi biometrici, la videosorveglianza, i sistemi per la sicurezza delle comunicazioni e delle reti. L’azienda ha presentato anche il sistema integrato per il controllo delle pattuglie sul territorio fornito ai carabineros del Cile.

Selex Sistemi Integrati ha presentato una sala di controllo per la gestione di grandi eventi che espone la riproduzione video del sistema utilizzato per garantire la sicurezza durante l’ultimo vertice G8.

Nell’ambito dell’ultimo vertice, infatti, la società ha avuto il ruolo di “prime contractor” per la progettazione e l’implementazione di un sistema integrato che ha consentito al dipartimento della protezione civile di presidiare l’evento.

Attraverso diverse strutture, che hanno fatto capo ad un centro di coordinamento, è stato possibile raccogliere, analizzare, coordinare ed integrare tutti i dati provenienti dalle postazioni delle varie risorse dispiegate (ministero dell’Interno, carabinieri, polizia e ministero della Difesa) e dai sensori installati per garantirne la sicurezza.

Selex ha inoltre organizzato un convegno dal titolo Tecnologie abilitanti per la sicurezza: il contributo delle università e dei centri di ricerca.


Ago 16 2010

Rifinanziate tutte le operazioni di guerra

Il Senato ha approvato quasi all’unanimità (con l’esclusione dell’Italia dei valori) la proroga di tutte le missioni di guerra.

Con il sì del Senato, è stato convertito in legge il decreto di proroga e di rifinanziamento delle missioni internazionali delle Forze armate e di polizia, in particolare in Afghanistan.

Il decreto stanzia in tutto 1.350 milioni di euro per il finanziamento delle missioni italiane all’estero fino alla fine del 2010. Si tratta di 33 missioni in 21 Paesi, dove al momento del varo del decreto da parte del governo risultavano impegnati 9.295 uomini.

Tra le missioni, la parte del leone la fa quella in Afghanistan, per la quale il governo ha aumentato il budget, portandolo da 310 a 364 milioni. Un aumento legato alla decisione, presa alla fine dello scorso anno dall’esecutivo, di aumentare il contingente italiano di altre 700 unità. Gli uomini di stanza a Herat, che sono oggi 3.300, arriveranno entro la fine dell’anno a circa 4.000 unità.


Ago 16 2010

GUERRA E UNIVERSITA’: NASCE L’INNOVATION TEAM

Uno strumento per promuovere il ruolo di Ricerca e Sviluppo e la cosiddetta sinergia tra azienda (SELEX SISTEMI INTEGRATI-FINMECCANICA) e mondo accademico: è questo l’obbiettivo dell’Innovation Team, una unità nata nell’ambito di Selex Sistemi Integrati e presentata il 19 maggio scorso presso lo stabilimento Finmeccanica di Giugliano in Campania.

Il ruolo di questa unità è quello di individuare tecnologie altamente innovative in collaborazione con le entità tecnico-scientifiche presenti su un territorio (università, centri di ricerca, laboratori, piccole e medie imprese), sfruttando al massimo l’integrazione tra il sistema scientifico e la produzione industriale. Così avanza il militarismo in camice bianco.


Ago 16 2010

ABILI E ARRUOLATI: REALTA’ CIVILI E ONG CON L’ELMETTO NEL NUOVO CONCETTO STRATEGICO N.A.T.O.

L’ammiraglio James G. Stavridis ha presentato il 17 maggio scorso il nuovo concetto strategico dell’Alleanza Atlantica sviluppato per i primi decenni del ventunesimo secolo.

Il documento, che andrà a sostituire l’omologo del 1999, è stato elaborato da un comitato presieduto dall’ex segretario di Stato americano Madeleine Albright e dovrebbe essere approvato durante il summit NATO in programma il prossimo novembre a Lisbona.

Il cardine del nuovo concetto strategico è rappresentato da un diverso approccio alla sicurezza, nel quale realtà pubbliche e private sono chiamate a unire gli sforzi per affrontare le questioni relative alla sicurezza.

Tra i punti salienti del documento, anche l’aiuto alle organizzazioni non governative impegnate nel settore umanitario.

Infine, la comunicazione per la creazione del consenso viene considerata un elemento chiave per il cambio di strategia.


Ago 11 2010

I nuovi triangoli italiani della morte

Triangoli di morte:
Interessanti documenti ufficiali


Ago 1 2010

Nuclearisti italiani: un primo elenco

Nei giorni scorsi è stato costituito il Forum nucleare italiano, un’associazione cosiddetta no profit per promuovere l’energia dell’atomo in Italia.

Il suo presidente è Chicco Testa, un tempo presidente di Legambiente.

Tra i soci fondatori troviamo: Alstom Power, Ansaldo Nucleare (gruppo Finmeccanica), Areva, Confindustria, E.ON, Enel, Federprogetti, Flaei-Cisl, GDF Suez, Politecnico di Milano, Università la Sapienza di Roma, Sogin, Stratinvest Energy, Technit, Technip, Tecnimont, Tern, Uilcem, Università di Genova, Università di Palermo, Università di Pisa, Westinghouse.

Segnaliamo inoltre che BNL, Unicredit e Banca Intesa San Paolo hanno investito, tra il 2000 e il 2009, oltre 92 miliardi di euro nel nucleare.