Spagna: Ilya Romanov, anarchico imprigionato, ha bisogno della vostra solidarietà!

Ilya-Romanov-Web

Tradotto da Indymedia Barcellona

Ilya era stato arrestato il 26 ottobre 2013 dopo l’arrivo in un ospedale gravemente ferito dall’esplosione improvvisa nelle sue mani di un petardo fatto in casa. L’incidente è avvenuto nei pressi di un edificio occupato dall’ufficio di reclutamento dell’esercito russo. Aveva perso la mano sinistra. Fu ricoverato in ospedale e interrogato dalla polizia. La polizia ha detto che era un “ordigno esplosivo fatto in casa”. Secondo l’anarchico, quello che gli esplose nelle mani erano un “paio di cucchiai di un miscela pirotecnica (non esplosiva) messi in una scatola di spaghetti istantanei, una scatola di plastica. “” Non c’era nulla di fissione, nulla di pericoloso. il potere del TNT era non più di tre grammi (e sono in grado di valutare questa capacità) “.

Scrive. I media si sono affrettati a informare del raid della polizia nell’appartamento di Ilya dove fu trovata letteratura estremista e vari prodotti chimici utilizzati per la fabbricazione di ordigni esplosivi. Tuttavia, una fonte alternativa sostiene che la polizia non ha trovato nulla di interessante durante la perquisizione, al suo posto la polizia ha confiscato una scatola vuota di soda, alcuni elementi di un microscopio, appartenente alla figlia di 16 anni di Ilya, e un barattolo con una sostanza bianca sconosciuta all’interno. La polizia ha anche confiscato un file di stampa d’opposizione e lettere personali di Ilya (comprese le lettere del suo periodo in prigione tra il 2002-2012), il suo portatile e il suo ID. Le accuse terroristiche dell’indagine su Romanov si basano su due file che si sarebbero trovati nel suo computer. Il primo file contiene un testo che insulta le autorità con errori di ortografia, e il secondo è una riedizione “Aryan Terror. Diario per la formazione pratica dei terroristi bianchi.” Romanov insiste sul fatto che entrambi i file siano il risultato di una manipolazione maldestra. “Tre funzionari del CCE (Centro per Contrastare l’Estremismo) mi hanno portato fuori dalla cella del carcere del CCE, e durante il trasferimento uno di loro ha iniziato a farmi domande su di me e su molti dei miei amici. La mia richiesta di un avvocato… è stata sfacciatamente ignorata. All’interno del CCE ho sentito insulti osceni e varie di minacce di violenza fisica da parte del colonnello della polizia”. Nel comunicato del “Comitato contro la Tortura”, Romanov racconta come il 6 dicembre 2013 gli investigatori lo hanno portato fuori di prigione e costretto a scrivere una confessione sotto minaccia. Il CAE ha fatto pressioni alla famiglia di Ilya, e hanno interrogato sua figlia adolescente. Ilya Romanov pensa che il caso sulla preparazione di un atto terroristico si sta smontando da solo e stando così le cose potrebbero aprire un nuovo procedimento penale contro di lui. Come lui stesso scrive al “Comitato contro la Tortura”, nel mese di settembre, nel corso di una udienza per il prolungamento delle misure cautelari preventive, l’investigatore principale della regione del FSB, Ilya Kaurkin, ha detto alla corte che l’FSB lo imputerà con un’altra accusa – sia in virtù dell’ art. 280 del codice penale (istigazione alla attività estremiste) o ai sensi dell’art. 205.2 del codice penale (la giustificazione del terrorismo e istigazione al terrorismo). Ora Romanov è in custodia cautelare, il suo caso non è stato ancora arrivato in tribunale, e nemmeno le azioni di cui l’indagine lo accusa. Il suo avvocato Gubin suppone che il processo di Romanov potrebbe iniziare a metà gennaio. L’indagine non ha nemmeno iniziato ad analizzare gli incartamenti.

Ilya si avvicinò al movimento anarchico negli anni ’80 a Nizhny Novgorod, che all’epoca era chiamata Gorky. Una delle sue prime azioni in epoca sovietica è stata la pubblicazione di un opuscolo anarchico, del quale quasi tutte le copie sono finite negli archivi del KGB. Questa è la terza volta che si sospetta che ha partecipato alla lotta armata. La prima volta è stato arrestato a Mosca nell’ottobre 1998 come un sospetto membro del gruppo armato clandestino “Nueva Alternativa Revolucionaria”. Fu alla fine condannato a trattamento obbligatorio in un ospedale psichiatrico, fu rilasciato nel 2002. Ilya non passò molto tempo in libertà, già nel dicembre 2002 fu stato arrestato in Ucraina, come uno dei presunti membri di un’organizzazione rivoluzionaria clandestina. Così trascorse 10 anni in prigione. Le accuse contro di lui includono espropri in gioiellerie e in case di cambio valuta, traffico illecito di armi di piccolo calibro, bombardamento degli uffici del SBU (ex KGB) in Ucraina. 11 detenuti furono torturati selvaggiamente, Sergey Berdyugin di 20 anni morì di tortura il 1° novembre 2003. Ilya negò tutte le accuse, ha detto di essere stato torturato fisicamente e mentalmente durante la detenzione in attesa di giudizio. Si dichiarò in sciopero della fame e si tagliò i polsi e il collo con una lametta da barba in tribunale per protestare contro il trattamento disumano. E’ stato rilasciato nel dicembre 2012.

È possibile donare per le spese legali di Ilya mediante Cruz Negra Anarquista di Mosca, potete vedere qui come fare: http://wiki.avtonom.org/en/index.php/Donate. Se si invia il denaro per il caso di Ilya, fatecelo sapere attraverso la e-mail – abc-msk{@}riseup.net.


Comments are closed.