Guerra all’immigrazione. Pronta la missione UE

Tratto da Radio Blackout:

I ministri degli esteri dell’Unione europea hanno deciso di lanciare una missione navale contro gli scafisti. Si chiamerà Eunavfor Med, avrà sede a Roma e sarà comandata dall’ammiraglio italiano Enrico Credendino. Il mandato iniziale della missione, che potrebbe partire entro la fine del mese prossimo, sarà di un anno e per la fase di avvio dei primi due mesi il consiglio dei ministri dell’Ue ha previsto di spendere 11,82 milioni di euro. Il testo approvato stabilisce di procedere subito con l’identificazione e il monitoraggio dei network dei trafficanti attraverso la raccolta delle informazioni e la sorveglianza delle acque internazionali.

L’azione potrebbe essere rafforzata una volta ottenuto il consenso delle Nazioni Unite. Senza l’autorizzazione dell’Onu, la missione navale europea non avrà il mandato di sconfinare nelle acque territoriali e nello spazio aereo della Libia né potrà intervenire sulle coste libiche per colpire le imbarcazioni.

Le navi impegnate nell’operazione – l’Italia è il paese che ne mette in campo di più – avranno a bordo oltre duemila incursori di Marina, truppe di sbarco, destinate ad un impiego di terra. Facile immaginare una possibile escalation bellica dell’intera operazione.

Il documento di 19 pagine preparato per i ministri dell’Ue prevede infatti diverse fasi. Dopo un primo momento in cui la flotta sarà impegnata nel monitoraggio, nella seconda e nella terza l’obiettivo sarà l’individuazione, la cattura e la distruzione delle navi dei trafficanti. I tempi di passaggio dalla prima alla seconda fase sono difficili da prevedere perché sia il mandato ONU che l’approvazione delle autorità libiche sono tutt’altro che scontate.

Nei fatti si ritorna al 2009, quando, in un quadro legislativo solo italiano venne effettuata un’azione di pattugliamento e di respingimento in mare dei barconi di profughi e migranti. In quell’occasione migliaia di uomini e donne vennero rimandati in Libia, dove li attendeva il carcere, le torture, gli stupri ed i ricatti. L’ascaro Gheddafi si mise al servizio degli ex occupanti italiani per un mucchio di soldi.
L’Italia incassò senza batter ciglio la condanna della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo per trattamenti inumani e degradanti inflitti ai richiedenti asilo. L’alto commissariato per i rifugiati – presieduto dall’attuale presidente della Camera – protestò per i respingimenti collettivi. Ma i respingimenti e le morti in mare continuarono finché migranti e profughi intrapresero nuove strade. La guerra del 2011 riaprì la rotta libica, con il suo corollario di morti annegati e “emergenze” sbarchi.

Questa volta la missione vede in prima fila l’UE, che ha trovato un accordo sulla missione militare, ma è spaccata sulle “quote” di accoglienza ai profughi. Giorno dopo giorno si moltiplicano i dietrofront.

Durante un vertice straordinario lo scorso 23 aprile, i leader dell’Unione europea avevano preso la decisione di “identificare, catturare e distruggere le imbarcazioni prima che siano usate dai trafficanti”. Secondo l’Unhcr, l’agenzia dell’Onu che si occupa di rifugiati, dall’inizio dell’anno sono arrivati in Europa 51mila migranti attraverso il Mediterraneo, di cui 30.500 sono sbarcati in Italia. Circa 1.800 persone sono morte in mare.

Per ascoltare l’intervista fatta da Radioblackout ad Alessandro Dal Lago:


Comments are closed.