Amburgo: Vernice e schiuma edile a Deutsche Bank

Tratto da contrainfo

24 aprile 2017

La Deutsche Bank Sa con sede a Francoforte sul Meno è una delle maggiori banche universali del mondo e la più grande banca tedesca. Include numerosi servizi finanziari, tra l’altro gli affari con i crediti e le investimenti, ma è attiva sul mercato del capitale e, inoltre, delle assicurazioni (…). È presente in più di 70 paesi e dispone di quasi 100.000 impiegatx, tra cui circa 45.000 solo in Germania.
La DB profitta della distruzione ambientale, dello sfruttamento e della guerra.

La DAPL (Dakota Access Pipeline) è un oleodotto lungo 1.880 km negli USA quasi terminato. La costruzione della pipeline fu momentaneamente fermata nel dicembre del 2016. Trump sospese la decisione via decreto poiché ha delle azioni della ditta costruttrice dell’oleodotto. Nel North Dakota, USA, imperversa da mesi una lotta per l’acqua potabile, la protezione del clima e i luoghi sacri dei Standing Rock Sioux, poiché l’oleodotto – un mostro con una capacità di più di 55 milioni di l di petrolio al giorno –  dovrebbe essere costruito attraverso i loro luoghi sacri. Nel North Dakota negli ultimi due anni ci furono quasi 300 incidenti con degli oleodotti. Ovvio che i Sioux sono contrari al mega-progetto sui loro luoghi sacri che minaccia la loro acqua potabile. Uno dei più grandi campi di protesta chiamato Sacred Stones con circa 20.000 persone fu già sgomberato. La banca bavarese LB nel frattempo ha annunciato di voler disdire il finanziamento dell’oleodotto. Ma la DB continua a voler finanziare la pipeline. Vi è coinvolta con un credito di 100 milioni di dollari a Sunoco Logistics Partners L.P. e di 60 milioni di dollari a Energy Transfer Equity L.P. Inoltre la DB tiene il 3% di Energy Transfer Partners L.P. Due ditte che finanziano direttamente la DAPL e così la DB è responsabile per la distruzione dell’ambiente e la violazione di diritti contrattuali.

Diritto del lavoro
L’osservazione di temi come il diritto alla riunione, il diritto a trattative salariali collettive come anche l’eliminazione di tutte le forme di discriminazione è esplicita solo da parte della DWS come associazione per l’amministrazione patrimoniale della DB. Solo che la DB non incita le imprese a salari minimi sufficienti per sopravvivere oppure ad introdurre un limite delle ore di lavoro.
Ripetute violazioni delle norme internazionali per il lavoro sono state rimproverate alle imprese Freeport-McMoRan, Wilmar, Gap, Hyundai Motor group e Wal-Mart come anche a Daewoo, HeidelbergCement, Inditex e Verizon. La DB intrattiene relazioni finanziarie con tutte queste imprese.

Riarmo
Mine terrestri e armi nucleari sono escluse solo parzialmente dall’amministrazione patrimoniale. Mancano completamente linee guida pubbliche per la gestione di finanziamenti e d’investimenti in sistemi d’armi controversi (biologici e chimici) e per i produttori, ma anche per l’esportazione d’armi convenzionali a regimi che violano i diritti dell’uomo. Come tante altre banche, la DB ha vincoli finanziari con produttori d’armi come Hanwha Corp., Leonardo, Airbus, Lockheed Martin, Rheinmetall e Rolls-Royce come anche BAE Systems, Boeing, Heckler & Koch, Krauss-Maffei Wegmann, Northrop Grumman, ThyssenKrupp. Queste imprese producono e commerciano con armi convenzionali e controverse (armi ABC, munizioni a dispersione e mine terrestri) e ne riforniscono in parte regimi che sono noti per violazioni dei diritti fondamentali dell’uomo. Anche se la DB dice di non investire nella produzione d’armi nucleari, questa esclusione non vale per tutti gli ambiti commerciali della banca e così sembra giustificare un sostegno finanziario trasversale ai produttori di armi nucleari.

Alimentari
Manca un nesso con i temi ambientali importanti come per esempio l’osservazione degli standard minimi nei prodotti e nel commercio con gli OGM oppure il rispetto del benessere animale nella produzione alimentare. La DB intrattiene rapporti finanziari con ditte come Bayer, Wilmar, Cargill, Soda Stream e anche Coca-Cola, Nestlé e Syngenta. Mentre Cargill, Coca-Cola e Nestlé, Syngenta e Soda Stream sono attivi nella produzione e nell’elaborazione alimentare e in questo contesto responsabili di violazioni dei diritti dell’uomo, sfruttamento di lavoratrix e distruzione ambientale, Bayer è tra l’altro responsabile per la produzione e il commercio di pesticidi tossici per l’uomo e la natura. Con il sostegno delle multinazionali alimentari e agrarie via procura di capitali, la DB è corresponsabile anche per queste pratiche commerciali dubbie.

Ecco solo alcune ragioni di tante per la nostra scelta della DB come obiettivo. Nella notte a lunedì 24 aprile abbiamo bloccato brevemente con la schiuma edile l’entrata della filiale DB ad Amburgo. Inoltre abbiamo marcato la banca con  sacchetti pieni di vernice e pece e con la scritta “No G20” su un vetro. Con quest’azione aderiamo al mese di azioni decentrali anti-G20 e non vediamo l’ora di vedere più azioni ancora in aprile e oltre. Inoltre vorremo ricordare di nuovo l’appello pubblicato il 05/12/2016 su linksunten per il Banken Smashing Contest G20. Tra l’altro ha già partecipato gente di Brema e Münster.

Fonte: Linksunten

 


Comments are closed.