Guerra e università: Intelligence italiana, gli 007 studiano alla “Sapienza” di Roma

Alla Sapienza di Roma è stato presentato il master in “Sicurezza delle informazioni e informazione strategica” promosso in collaborazione col Dipartimento delle informazioni per la sicurezza (DIS) della Presidenza del Consiglio. Il master di secondo livello, illustrato in una conferenza stampa dal direttore del dipartimento Giampiero Massolo e dal rettore Luigi Frati, rientra nell’accordo stipulato tra la Sapienza e i servizi segreti nazionali nel 2011 per “promuovere la cultura della sicurezza”. Da questa partnership è nato un centro di ricerca multidisciplinare che sviluppa metodologie e tecnologie d’avanguardia per la contro-insurrezione. Obiettivo dell’accordo è creare figure d’intelligence prevalentemente per la “protezione delle infrastrutture strategiche” sia sul suolo nazionale che all’estero. Questo accordo testimonia sempre più il ruolo fondamentale degli atenei italiani nel meccanismo della guerra, sia tramite la ricerca e la sperimentazione di nuovi strumenti di morte, sia nella legittimazione della guerra all’interno di una società sempre più militarizzata ed irrigimentata.


Comments are closed.