Germania, Stoccarda 10.07.2013: attacco con la vernice al centro carriere dell’Esercito Federale (EF) a Stoccarda.

 

 

Pubblicato su https://linksunten.indymedia.org/

 

 

Traduzione di mc, Lenzburg, CH, fine luglio 2013 arrivataci pochi giorni fa.

 

 

Il dieci luglio la facciata a Stoccarda del centro carriere dell’EF è stata marcata con la vernice rossa. Vogliamo chiarire e rendere visibile verso l’esterno: in questo luogo inizia la guerra, qui si reclutano dex giovani per l’esercito tedesco e le guerre della BRD.

 

Nel quadro della ristrutturazione delle FA tedesche, tra cui anche la sospensione della leva obbligatoria, si diede a questo ufficio il nuovo nome armonioso di Karrierecenter. I cambi di nome che affibbiano alle riforme un “taglio attuale” e dovrebbero sottolineare il cambio del EF non possono ingannare sul fatto che in questo luogo inizia la guerra. In questo luogo si arruolano dex giovani per l’esercito della BRD. Il capo attuale del Karrierecenter di Stoccarda è Sylvia Lanz, ex dirigente del Sostituto Ufficio Circondariale della Difesa di Karlsruhe.

 

Da più di vent’anni l’EF è di nuovo ingaggiato a livello globale per gli interessi del capitale tedesco. Le più recenti misure di ristrutturazione dell’EF rendono possibile di immischiarsi con ancora migliore efficienza e contemporaneamente in vari scenari di guerra. Attualmente sotto forma di alleanze – con altri paesi imperialisti. Alcuni interessi fondamentali di queste allenaze di convenienza sono l’apertura dimercati, la messa in sicurezza delle fonti di materie prime e delle rotte commerciali e di realizzare un’influenza economica e politica in scale nelle regioni centrali dal punto di vista geostartegico. Così si rendono economicamente e politicamente dipendenti dei paesi spesso meno potenti ed influenti, costringendoli in trattati e contratti di cooperazione. Le regole del gioco e le condizioni sono regolamente dettate dai paesi capitalisti ricchi con formule a loro vantaggio. Come strumento efficace per acconsentire a tali cooperazioni per esempio si minacciano delle sanzioni economiche o la diminuzione di crediti.

 

Se questo non funziona o se il governo di turno non si rivela abbastanza attendibile, di buon grado e senza tentennare si tolgono i militari dal cilindro magico degli strumenti di pressione politica. A volontà si continua a destabilizzare ulteriormente la regione – si può fare anche rifornendo l’opposizione con delle armi, con l’azione dei servizi segreti o anche con il boicottaggio commerciale – oppure sono direttamente occupati dalle potenze imperialiste.

 

Anche l’instaurazione di zone di divieto di volo normalmente accompagnate da un tappeto di bombe sui paesi colpiti, sono dei noti strumenti strategici per la difesa degli interessi capitalisti.

 

La varietà delle guerre imperialiste sono multiformi e qui certo descritte molto in fretta, tuttavia è certo che non n’approfittano né le persone delle regioni di guerra, né la gran parte delle popolazioni dei paesi guerreggianti. Nulla cambia la tanto altisonante qunato vuota retorica dei media borghesi sulla missione umanitaria.

 

Prima che i soldati, dopo intrappolati da contratti capestro, promessi di alti salari e prospettive per una carriera apparentemente certa, sono mandati in guerra si addestrano nel centro di addestramento al combattimento (GÜZ) nella Altmark. È la piazza d’addestraemnto truppe più moderna d’Europa ed è gestita dalla ditta Rhein-Metall. L’EF ed altri eserciti europei vi affittano spazi per le loro esercitazioni di guerra.

 

Dal 21 al 29 luglio 2013 in loco si tiene per la seconda volta il campeggio antimilitarista WarStartsHere*. L’anno passato si è riscitx ad interrompere le esercitazioni. Alcune centinaia di persone invasero il perimetro per richiamare l’attenzione che dalla Germania parte la guerra.

 

Venite al campeggio antimilitarista contro il GÜZ.

 

Abbasso la politica di guerra tedesca!

 

Viva la Solidarietà Internazionale!

 

 

*Giusto ieri sabato 27 luglio la notizia di un sabotaggio incendiario antimilitarista a 16 veicoli dell’EF nel perimetro della caserma di Havelberg, vicino a suddetto campeggio.

 

 


Comments are closed.