La scuola siciliana va alla guerra

Riceviamo e pubblichiamo questo testo che spiega come negli ultimi anni i militari in Sicilia hanno trovato spazio e pubblicità all’interno delle scuole e dell’università. Le riflessioni sulla pace e cittadinanza e di un sistema educativo di pace, non ci appartengo come redattori del blog, ma troviamo molto interessante, e aggiornato, il modo in cui i militari stanno costruendo in vari modi un loro supporto che va al di là dello Stato, supporto che cerca consenso anche tra i civili, cercando di cavalcare la situazione dell'”emergenza” sicurezza e del terrorismo, riportando in voga tra i giovani il concetto di Patria e tutto quello che ruota attorno a questa ideologia.

Nel sistema educativo sembra non esserci più cittadinanza per la pace. Quella vera, disarmata e giusta. Nessuna intenzione di riflettere sul ruolo della Sicilia negli scenari di guerra planetari, sull’iperdronizzazione di Sigonella o sul MUOStro di Niscemi. Da Messina a Trapani, Catania o Comiso, “militari Usa brava gente”. E l’inno dei sommergibilisti prende piede. Sembrava avessimo chiuso con la retorica colonial-fascista-razzista e subito ci si imbarca nel sommergibile, pattugliatore o nave o velivolo da guerra con istruttori del 60° Stormo. Non mancano esercitazioni e addestramenti. Si osservano i droni militari. Torna prepotente il mito del supereroe combattente. Musica e propaganda bellica, scuola e forze armate: binomi utili e perfetti da replicare ovunque con la compiacenza di generali e ammiragli, presidi e docenti. Si aspettano tempi migliori per l’educazione alla pace.

10 giugno 2017, base militare della Marina militare di Terravecchia, Augusta, sede del Comando Marittimo Sicilia. Nel salone-teatro si esibiscono, uno dopo l’altro, i cori degli istituti scolastici di una delle cittadine più militarizzate d’Italia. E’ l’epilogo della kermesse voluta da Marisicilia, tre giorni di esposizioni di mezzi da guerra navali e aerei, esercitazioni, regate, ecc., protagonisti centinaia di bambine e bambini. Agli alunni del 1° Istituto Comprensivo “Principe di Napoli” tocca intonare l’”Inno dei sommergibilisti”, cavallo di battaglia di uno dei reparti d’élite delle italiche forze armate. Andar pel vaso mar, ridendo in faccia a Monna Morte e al destino! Colpir e seppellir Ogni nemico che s’incontra sul cammino! E’ così che vive il marinar nel profondo cuor del sonante mar! Del nemico e dell’avversità se ne infischia perché sa che vincerà! L’inno che sbeffeggia guerra, assassinii e madonna morte l’aveva scritto nel 1941 un compositore siciliano, Mario Ruccione, ignorato dai più ma il cui maggiore successo è noto a tutti, quella maledetta orecchiabile Faccetta nera, ignobile emblema della peggiore retorica colonial-fascista-razzista del Ventennio.

Musica e propaganda bellica, scuola e forze armate: binomi utili e perfetti da replicare ovunque con la compiacenza di generali e ammiragli, presidi e docenti. Il successivo 21 giugno, solstizio d’estate, è stato consacrato alla Festa della Musica; in 14 capoluoghi (tre in Sicilia: Messina, Palermo e Trapani) sono bande e fanfare di Esercito, Marina, Aeronautica e Carabinieri a farla da padrone. Nella città dello Stretto, il momento clou delle iniziative programmate dall’assessorato alla Cultura in sinergia con soggetti pubblici e privati è il concerto no stop presso la caserma “Emilio Ainis” di Contesse della Brigata Meccanizzata “Aosta”, per sottolineare – come dichiarato dal generale Roberto Angius – il “rapporto sempre più stretto con il territorio siciliano in attività non soltanto squisitamente militari (l’operazione Strade sicure o altri impegni di carattere operativo ed addestrativo), ma anche nel sociale”. Con la banda dell’“Aosta” sul palco pure l’orchestra del Liceo musicale “Ainis” e i cori degli istituti comprensivi “Mazzini-Gallo”, “Paino – Gravitelli” e “Cannizzaro – Galatti” e delle scuole medie “Pascoli” e “Leopardi”.

Per par condicio, dal 5 all’8 ottobre, fanfare di guerra e cori scolastici si sono spostati nella zona falcata di Messina, per la Festa della Marineria: quattro giornate all’insegna dello sport e della cultura, con mostre, convegni, visite guidate alle unità, esercitazioni e addestramenti navali e subacquei e oltre 4.000 studenti siciliani a far la fila all’ingresso della grande base sede del comando operativo della Marina. A conclusione l’immancabile concerto delle bande di Esercito, Marina e Carabinieri e dell’orchestra giovanile  “Falcone-Borsellino” della Fondazione La città invisibile di Catania.

In epoca di guerra globale, permanente o perpetua, l’educazione e la formazione pro-militare dei giovani è una delle priorità dei ministri della difesa e dell’istruzione.

Guerra è bello e istruttivo

In Sicilia, isola-laboratorio per le strategie di attacco e supremazia planetaria di Usa, Nato e Ue, proliferano a vista d’occhio progetti, stage e interscambi tra insegnanti, studenti e forze armate; alle visite ai musei e al patrimonio artistico i dirigenti scolastici privilegiano quelle a basi, caserme, porti, aeroporti e installazioni radar. Guerre mondiali e battaglie vengono reinterpretate, si cancellano con un colpo di spugna crimini e barbarie e torna prepotente il mito del super-eroe combattente. Un anno fa, ancora a Messina, il 5° reggimento fanteria “Aosta” ha promosso Il Quinto per Voi, due giornate promozionali rivolte agli studenti delle classi 5° degli istituti superiori e delle classi 3° delle scuole medie nel ricordo della tragica battaglia di “Col della Beretta” (22-26 novembre 1917), per “stimolare nelle nuove generazioni riflessioni sull’importanza di mantenere viva una coscienza collettiva sulle radici e sull’identità nazionale e quale occasione per diffondere i valori di amor di Patria, senso dello Stato, sicurezza, legalità e solidarietà”.

Uno dei settori educativi-didattici particolarmente a cuore delle forze armate è quello delle attività ludico-motorie e sportive, guarda caso il meno attenzionato nell’ultima decade da MIUR, CONI e federazioni sportive. Da tempo, in particolare, viene proposto il Concorso esercito-scuola con l’organizzazione di corse campestri all’interno di infrastrutture, basi e poligoni militari. Più recentemente, le forze armate si sono ritagliate uno spazio significativo anche nella promozione dei campionati sportivi studenteschi e dei Giochi della Gioventù, affiancandosi o sostituendosi agli enti locali che un tempo contribuivano finanziariamente alla loro promozione. Per centinaia di “studenti meritevoli” delle scuole secondarie ci sono poi i corsi di vela estivi organizzati dalla Marina militare e dalla Presidenza del Consiglio presso l’Accademia Navale di Livorno, la Scuola Navale “Francesco Morosini” di Venezia o la Scuola Sottufficiali de La Maddalena. La Marina militare e lo sport è stata la campagna promossa dal Comando di Marisicilia in tutte le scuole del Comune di Augusta e i vincitori sono stati premiati in occasione della festa-evento di giugno, quella consacrata all’Inno del fasciosommergibilisti. Palermo, la scorsa primavera, ha ospitato invece la 16^ edizione del Campionato mondiale studentesco di Orienteering; a organizzarlo il MIUR in collaborazione con il Comune e il Comando Militare Esercito “Sicilia”. Oltre 800 i partecipanti e la gara, “dedicata al giornalista siciliano Peppino Impastato, ucciso dalla mafia a Cinisi”, si è tenuta nel bosco della Ficuzza.

A Catania a fine novembre ha preso il via la IX edizione del Progetto Sport e Legalità che nel corso dell’intero anno scolastico vedrà decine di istituti confrontarsi in diverse discipline sportive. “Hanno già avuto inizio i primi incontri tra scuole e militari”, scrivono i promotori del progetto. “La ormai rodata sinergia tra le forze dell’ordine e le forze armate e le scuole medie inferiori introdurrà uno degli argomenti cardine dell’edizione in corso d’opera, la legalità e le donne con le stellette, vale a dire la valorizzazione del ruolo delle donne in ambito militare. Tale argomento sarà poi lo spunto per un incontro successivo sul femminicidio…”. Sempre nel capoluogo etneo, dal 23 ottobre al 4 novembre, l’Aeronautica Militare in accordo con il MIUR ha dato vita al corso nazionale di Cultura Aeronautica.

L’affascinante mondo dei sottomarini

Si tratta di un’iniziativa informativa ed orientativa volta a diffondere la conoscenza del mondo aeronautico, facendo vivere ai giovani frequentatori una concreta esperienza di volo con il velivolo SIAI-Marchetti 208, sotto la guida di qualificati istruttori del 60° Stormo”, spiega il Comando Ami. Agli studenti primi classificati, l’Aeronautica riserva la possibilità di trascorrere un periodo presso l’aeroporto di Guidonia per volare con un aliante biposto.

Militari e industrie belliche non potevano mancare all’appuntamento con la famigerata alternanza scuola-lavoro, il provvedimento peggiore della cosiddetta Buona scuola dei governi Renzi-Gentiloni-Giannini-Fedeli. Nel febbraio 2017 è stata firmata una convenzione tra la Guardia Costiera e l’Istituto Tecnico Aeronautico “Ettore Majorana” di Gela per effettuare tirocini e stage della durata di 36 ore presso il 2º Nucleo Aereo di Fontanarossa. Questo iter “formativo” è stato recentemente proposto pure agli studenti del Politecnico del Mare “Duca degli Abruzzi” di Catania. Il 7 aprile, nell’ambito del “percorso didattico mirato a creare una forte intesa con il mondo del lavoro”, l’istituto etneo aveva promosso anche un incontro con gli ufficiali della Marina militare per approfondire il tema de L’affascinante mondo dei sottomarini.

Sempre per gli studenti dell’Istituto “Majorana” di Gela, lo scorso anno sono state svolte attività di tirocinio ed orientamento da parte del Comando del 41° Stormo dell’Aeronautica Militare; alla formazione presso il reparto italiano schierato a Sigonella hanno partecipato pure gli allievi dell’Istituto Tecnico Aeronautico “Arturo Ferrarin” di Catania. “Le attività si sono articolate per oltre un mese con percorsi teorici e pratici al fine di sviluppare e valorizzare le vocazioni personali degli studenti, gli interessi e gli stili di apprendimento individuali, per avvicinarli alle attività della Difesa”, ha spiegato il colonnello Federico Fedele, comandante del 41° Stormo Antisom con molteplici esperienze nei teatri di guerra di Afghanistan, Bosnia, Kosovo e Serbia.

Altri tirocini in “attività di controllo dello spazio aereo e della meteorologia, manutenzione dei velivoli in forza ai Gruppi Volo” sono in svolgimento a Sigonella per gli allievi dell’Istituto Tecnico Commerciale e Aeronautico “Fabio Besta” di Ragusa, nell’ambito di apposita convenzione firmata il 28 settembre 2016 con il Comando dell’Aeronautica. Ad inizio anno scolastico 2015-16, gli studenti più meritevoli dell’istituto ibleo sono stati premiati con uno stage presso il complesso Alenia di Cameri (Novara) dove vengono assemblati i cacciabombardieri a capacità nucleare F-35; a condurre in Piemonte gli allievi ci ha pensato proprio il 41° Stormo con un pattugliatore da guerra Atlantic decollato da Sigonella. Il 27 ottobre scorso, l’Istituto “Besta” ha organizzato a Ragusa un convegno dal titolo Next generation Aviation Training Conference – Evidence Based Training – state of the art, in collaborazione con l’Aeronautica Militare e l’azienda Cognitive Technologies and Services (COGTECH), spin-off fondata nel 2011 per “sviluppare e offrire servizi tecnologicamente innovativi nel campo della sicurezza e dell’addestramento dei piloti di aviazione”. Immancabilmente bellici i linguaggi e i contenuti dei lavori.

La testa … tra le nuvole

Gli istruttori dell’86° Centro Addestramenti Equipaggi (CAE) del 41° Stormo si sono soffermati con gli studenti sull’evoluzione del sistema di addestramento nell’Aeronautica e “nello specifico, sul velivolo P-1150A Atlantic e sul nuovo sistema d’arma P-72A, con la propria missione primaria di contrasto della minaccia subacquea e navale, servizio di ricerca e soccorso (SAR) in mare a lungo raggio, protezione delle principali vie marittime, controllo delle unità navali subacquee e di superficie potenzialmente ostili”.

La testa … tra le nuvole. Orientamento al lavoro è stato invece il titolo del seminario che gli studenti dell’I.I.S. “Enrico De Nicola” di San Giovanni La Punta hanno svolto con gli ufficiali del Comando dell’Aeronautica Militare di Sigonella. Lo scorso aprile, sempre in tema di orientamento, per gli studenti delle ultime classi dell’Istituto “Giosué Carducci” di Comiso è stato promosso un “progetto di collaborazione con le forze armate”, animatori tre ufficiali in forza ai reparti di volo Ami. “Una grande opportunità per gli studenti carducciani, che ha permesso loro di conoscere più da vicino il panorama delle Forze Armate italiane e il loro lavoro a sostegno della pace”, il commento del dirigente.

A gennaio, il 41° Stormo con l’11° Reparto manutenzione velivoli di Sigonella ha pure partecipato con propri mezzi militari all’11ª edizione dell’Orient@giovani, l’evento di orientamento universitario e al mondo del lavoro rivolto a tutte le scuole secondarie siciliane e organizzato a Milazzo dall’Istituto Tecnico “Ettore Majorana”. Tre mesi prima, le classi quarte dell’istituto mamertino si erano recate in visita alla base aerea della Marina Militare di Catania (Maristaeli), per “approfondire lo studio dell’utilizzo delle telecomunicazioni e poter osservare due tipi di aeromobili: l’AB 212 ASW e l’EH-101 ASW”. All’Orient@giovani, l’I.T. “Majorana” aveva dato pure vita ad un laboratorio sul tema della cyberscurity in collaborazione con la transnazionale informatica civile-militare Cisco, la stessa che il 25 luglio scorso ha siglato con il MIUR un protocollo d’intesa di alternanza scuola-lavoro per “promuovere cultura e competenze digitali” tra un migliaio di studenti delle superiori (Progetto Impres@Digitale). “Alla formazione legata alle tecnologie, all’imprenditorialità digitale, alla programmazione si affiancherà anche la possibilità di rafforzare le cosiddette soft skills – come la capacità di lavorare in gruppo, saper gestire il proprio tempo, capire come gestire correttamente le fasi di un progetto, il problem solving”, si legge nel protocollo. A conclusione del progetto saranno selezionati 100 studenti che parteciperanno a “giornate in azienda” presso le sedi Cisco di Roma e di Vimercate (Monza).

Altro istituto siciliano distintosi nella predisposizione di percorsi formativi con aziende del complesso militare-industriale è l’Istituto Nautico “Caio Duilio” di Messina che in partnership con Intermarine S.p.A. (gruppo leader nella produzione d’imbarcazioni per uso commerciale e militare e che ha incorporato i Cantieri Navali “Rodriquez”) ha conseguito lo scorso anno il primo premio nazionale ex aequo al concorso Didattiva: la didattica per l’alternanza scuola-lavoro, promosso da Confindustria dell’Alto Adige e MIUR. Il riconoscimento ha consentito la stipula di una convenzione che “porterà il Caio Duilio a diventare istituto di riferimento di una delle più importati società italiane di costruzioni navali, al fine di formare figure professionalizzate da inserire più rapidamente nel mondo del lavoro”.

L’inarrestabile corsa delle scuole siciliane verso il militare non poteva lasciar fuori la maggiore delle basi straniere ospitate nell’Isola, la NAS – Naval Air Station di Sigonella, di uso esclusivo delle forze armate degli Stati Uniti d’America. Specifica convenzione con la “Base NATO” per la “messa in opera di percorsi che rappresentano un valore aggiunto di qualità del servizio” è stata firmata dall’Istituto Comprensivo Statale ad indirizzo musicale “Gabriele D’Annunzio” di Motta Sant’Anastasia. Una visita di istruzione “con incluso il pranzo al fast food della base” è stata effettuata nel maggio 2015 da alcuni alunni dell’immancabile “Ferrarin” di Catania.

Segui una rotta sicura

Il 4 aprile 2016, un altro istituto etneo, il Professionale “Enrico Fermi”, ha invece consegnato una targa di ringraziamento ai responsabili dell’Ufficio relazioni esterne della NAS di Sigonella per “l’impeccabile coordinamento delle attività di volontariato civico svolte dai militari americani nel territorio siciliano”. Alla premiazione è seguito un incontro degli studenti sulle “attività di soccorso dei migranti in mare”, relatore il contrammiraglio Nunzio Martello, direttore marittimo della Sicilia Orientale della Guardia costiera. L’evento, come spiegato dal dirigente scolastico, è stato promosso “nell’ambio del progetto Segui una rotta sicura, volto ad inculcare il concetto di legalità e moralità nei giovani studenti e promuovere la cittadinanza attiva, valori condivisi dalle forze armate Usa di Sigonella che si sono spesso alleati con gli studenti del Fermi per portare a termine iniziative congiunte di volontariato”.

Altro incontro con i marines si è svolto nel novembre 2016 nel Liceo “Elio Vittorini” di Francofonte, presenti pure gli studenti dell’Istituto Commerciale “Alaimo” e del Liceo “Gorgia” di Lentini. “Punto centrale dell’attività è stata l’azione di sensibilizzazione contro la droga con alcuni sottoufficiali di Sigonella che afferiscono all’associazione CSADD – Coalition of Sailors Against Destructive Decisions”, riporta la cronaca locale. Come ha spiegato Alberto Lunetta, responsabile dei rapporti col pubblico di NAS Sigonella, le visite alle scuole sono parte integrante del programma di “buon vicinato” (Community relation) avviato nel 2013 dalla Marina Usa con interventi di volontariato di varia natura a beneficio di enti locali, associazioni, parrocchie, case famiglia, ecc.. Tra le attività più richieste dai dirigenti quelle di tipo “didattico-linguistico” o di manutenzione e ristrutturazione degli edifici scolastici. Il 20 marzo 2017, gli studenti del Liceo “Ven. Ignazio Capizzi” di Bronte hanno avuto modo di partecipare alla conferenza in lingua inglese su Helathy Eating Habits, relatore il capitano Mauricio Jimenez della US Navy di Sigonella, mentre qualche mese prima le bambine e i bambini del Circolo Didattico “Madre Teresa di Calcutta” di Belpasso sono stati affidati ai marines per apprendere qualche parola in inglese, ritinteggiare le classi e condividere un rinfresco. Nel novembre 2016, agli studenti dell’Istituto “Quasimodo” di Floridia è stata data l’opportunità di incontrare un’infermiera e un assistente della base militare americana per approfondire in inglese i temi della sana alimentazione e del corretto stile di vita. “Al fine di far esercitare gli studenti del Liceo delle Scienze Umane “N. Colajanni” con la lingua inglese, fare loro apprezzare la bellezza, la complessità e unicità della storia della città di Enna, nonché far sperimentare l’emozione di guidare un turista, è stato ideato un progetto che ha visto la sua concretizzazione il 6 giugno 2017 con 8 marines della base di Sigonella in visita al Castello di Lombardia e il Duomo”, riporta invece Ennapress.it.

Da Messina a Trapani, Catania o Comiso, militari Usa brava gente, le parole d’ordine in istituti e licei, scuole medie, elementari e asili. Guai invece a riflettere sul ruolo della Sicilia negli scenari di guerra planetari, sull’iperdronizzazione di Sigonella o sul MUOStro di Niscemi. Per la pace, quella vera, disarmata e giusta, sembra invece non esserci più cittadinanza nel sistema educativo.

Articolo pubblicato in Casablanca, n. 51, novembre-dicembre 2017

 


Comments are closed.