Iraq: gli USA bombardano

Riceviamo e pubblichiamo, originale su junge Welt del 14 marzo 2020

La repubblica popolare della Cina invia in Iraq medicinali per contrastare la pandemia (epidemia che tende a diffondersi) del Coronavirus, Washington colpisce il paese con missili: nella notte di ieri l’esercito USA ha compiuto in parecchie province attacchi aerei che hanno ucciso cinque militari e un civile.
Il presidente iracheno Barham Saleh in una comunicazione afferma che il bombardamento è un’aggressione alla sovranità dell’Iraq. Lo stato iracheno viene pericolosamente indebolito e posto sotto la minaccia di cadere nel caos.

Il Pentagono a sua volta ha dichiarato che gli attacchi sono una “risposta diretta” alla minaccia espressa in Iraq da milizie sciite alleate a Teheran nei confronti dell’esercito USA e di loro alleati. Due giorni prima, nella base militare USA di Tadschi – in Iraq, erano stati lanciati razzi che hanno ucciso due soldati statunitensi e una soldatessa inglese. Da qui l’attacco contro milizie sciite Hizbollah – alleate all’Iran, concludono gli USA.
Secondo l’esercito iracheno nell’attacco notturno USA sono stati lanciati 5 razzi pesanti che hanno preso di mira la milizia Kataib-Hizbollah disposta in un villaggio di Bagdad. Kataib-Hizbollah fa parte delle milizie Haschd-Al-Schaabi a loro volta inserite nell’apparato di sicurezza iracheno. Secondo indicazioni dell’esercito iracheno nell’attacco aereo USA sono stati uccisi tre militari, due poliziotti e un cuoco.
Il ministero degli affari esteri iracheno ha convocato gli ambasciatori USA e dell’Inghilterra. In una dichiarazione successiva dello stesso ministero viene condannata “l’aggressione americana”.
Teheran respinge le dichiarazioni USA, secondo cui l’attacco alla base militare di Tadschi sarebbe stato compiuto da milizie pro-iraniane. Il portavoce del ministero degli esteri Abbas Musawi, per parte sua accusa gli USA di trattenersi illegalmente in Irak e li mette in guardia rispetto alle conseguenze di loro “pericolosi procedimenti” nel paese.


Comments are closed.