Ago 10 2019

Bardonecchia – Domenica notte

tratto da roundrobin:

giugno 2019

Domenica notte é stato danneggiato un mezzo dei carabinieri di
Bardonecchia, in solidarietà ad Anna e Silvia, e per la chiusura della
sezione As2 del carcere.
Continue reading


Ago 10 2019

Pisa e Livorno – Campagna contro-pubblicitaria ENI (Esportiamo Neo-colonialismo Italiano)

tratto da roundrobin:

giugno 2019

Nei giorni scorsi, sono apparsi a Pisa e a Livorno, una ventina di manifesti contro l’Eni alle pensiline degli autobus e nelle stazioni.
Eni, già famosa per perpetrare il colonialismo italiano in Libia e altri paesi del mondo, avvelena e uccide anche nel nostro territorio. Infatti a Livorno, grazie alla sua raffineria di petrolio, elargisce a piene mani sfruttamento e tumori per tutti.

Continue reading


Lug 3 2019

Leonardo vara il drone da guerra Falco Xplorer. I voli sperimentali da Trapani-Birgi

riceviamo e pubblichiamo:

Leonardo (ex Finmeccanica), holding italiana produttrice ed esportatrice di sistemi d’arma, si conferma protagonista nel lucroso mercato internazionale dei droni di guerra. Pochi giorni fa al Paris Air Show, il salone aerospaziale tenutosi a Le Bourget – presente il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte – i massimi vertici di Leonardo hanno presentato il prototipo del nuovo velivolo a pilotaggio remoto denominato Falco Xplorer, interamente progettato e realizzato in Italia. Il nuovo drone potrà volare ininterrottamente per 24 ore a una quota operativa di 24.000 piedi, in ogni condizione meteorologica, per svolgere un “ampio ventaglio di missioni, sia di tipo militare che civile-governamentale”. Il prototipo del Falco Xlorer è stato realizzato presso lo stabilimento Leonardo di Ronchi dei Legionari (Gorizia) ed effettuerà i primi test di volo nelle prossime settimane dall’aeroporto di Trapani-Birgi, sede del 37° Stormo dell’Aeronautica militare, già utilizzato come poligono sperimentale del drone da guerra P1HH Hammerhead di Piaggio Aero e Leonardo, con conseguenze a dir poco nefaste per la sicurezza del traffico aereo civile (Birgi è uno dei principali scali italiani per le compagnie low cost). Il nuovo drone dovrebbe raggiungere la piena capacità operativa entro la fine del 2020. Continue reading


Mag 30 2019

Orgosolo – Sardegna: Attaccati i Carabinieri

La notte del 20 Maggio, alcune ore dopo la solenne inaugurazione della nuova caserma dei carabinieri di Orgosolo, la macchina di un maresciallo viene incendiata proprio davanti alla caserma mentre ad un altra macchina di proprietà di un carabiniere vengono squarciate le gomme. Continue reading


Mag 30 2019

Genova – 2 GIUGNO ANTIMILITARISTA contro il capitalismo, razzismo e fascismo

IL 2 GIUGNO VIENE RICORDATO IL REFERENDUM DEL 1947 ATTRAVERSO IL QUALE GLI ITALIANI ABOLIRONO LA MONARCHIA A FAVORE DELLA REPUBBLICA COSTITUZIONALE.
MA IL 2 GIUGNO NON SI RICORDA LA COMPROMISSIONE TOTALE DELLA MONARCHIA SABAUDA CON IL NAZI-FASCISMO, IN QUESTA DATA SI LASCIA INVECE SPAZIO ALLA PARATA MILITARE, ALLA CELEBRAZIONE DEL COLONIALISMO ITALIANO RIMASTO SEMPRE UGUALE A SE STESSO: FACCETTE NERE “AIUTATE”  A CASA LORO DA ESPORTATORI DI IMPERI PIUTTOSTO CHE DI DEMOCRAZIE. Continue reading


Mag 30 2019

La Sicilia capitale mondiale delle telecomunicazioni militari USA

riceviamo e pubblichiamo: 

Dopo il MUOS di Niscemi, verrà realizzato in Sicilia un altro megacentro di telecomunicazioni satellitari delle forze armate USA. Il Dipartimento della Difesa ha infatti chiesto al Congresso degli Stati Uniti d’America l’autorizzazione alla spesa di 77 milioni e 400 mila dollari per costruire all’interno della stazione aeronavale di Sigonella una “infrastruttura di telecomunicazione a più piani che comprenda pure una facility per le informazioni sensibili e riservate (Sensitive Compartmented Information Facility – SCIF)”. Continue reading


Mag 19 2019

La Bahri Yanbu non attracca a Genova. Sabotare la guerra è possibile.

Riportiamo qui di seguito il comunicato del CALP che spiega i motivi dell’agitazione portuale che sta avvenendo in questi giorni a Genova per impedire l’attracco della Bahri Yanbu:

CONTRO LA GUERRA, SENZA IPOCRISIE

Una nave carica di armi, la Bahri Yambu, è in arrivo nel porto di Genova. Grazie all’impegno e all’impulso di alcuni lavoratori del porto che hanno sollevato la gravità dei fatti, è in corso una mobilitazione contro l’arrivo della nave saudita e il suo carico. Una mobilitazione giusta e doverosa che dovrà porsi fino in fondo, e non solo a parole o a mezzo stampa, con quali mezzi raggiungere il proprio obiettivo: non far attraccare quella nave a Genova, bloccare il suo carico di morte! Continue reading


Mag 19 2019

Iglesias – Sardegna: Bruciata la macchina di un allievo carabiniere

tratto da nobordersard:

I giornali riportano la notizia di un incendio doloso che avrebbe distrutto l’auto di un allievo carabieniere della caserma Trieste di Iglesias. Vergognoso come al solito il coro istituzionale che si è levato a difesa dell’arma, ma alcuni in modo non troppo velato hanno ammesso che il grande attaccamento di Iglesias alla caserma è in gran parte legato all’indotto che questa crea. Continue reading


Mag 10 2019

E l’isola di Lampedusa diventa sempre più avamposto NATO…

riceviamo e pubblichiamo:

Per anni è stata rappresentata come l’ultima frontiera dell’Unione europea e principale porto di sbarco per le imbarcazioni dei migranti in fuga dal continente africano, ma intanto segretamente Lampedusa è stata trasformata in una vera e propria piattaforma avanzata nel Mediterraneo delle forze armate nazionali, Ue e NATO. Antenne radar, centri di telecomunicazioni e per la guerra elettronica sono stati dislocati in ogni angolo dell’isola; continuo ed esasperante è il via vai di mezzi navali, elicotteri, caccia e aerei da trasporto; finanche Frontex, l’agenzia per il controllo delle frontiere Ue, ha dislocato nello scalo lampedusano un grande drone per le operazioni d’intelligence anti-migranti.

Continue reading


Mag 10 2019

Da Sigonella in poi

riceviamo e pubblichiamo:

La base siciliana è stata trasformata in uno dei maggiori centri del pianeta per il comando e il controllo dei velivoli senza pilota. A partire dai droni spia a quelli killer, cosa rappresenta oggi Sigonella?

 Trump e Putin fanno sul serio? Siamo davvero tornati agli anni della Guerra fredda USA-URSS? Difficile rispondere, ma il “gioco” tra le due parti ha avuto l’effetto di rilanciare la corsa agli armamenti, primi fra tutti quelli nucleari, cancellando con un colpo di spugna i faticosi trattati contro la presenza dei missili atomici nel cuore dell’Europa. Di certo è che non c’è giorno ormai che non si assista alle provocazioni dei velivoli spia statunitensi alle frontiere occidentali della Russia, in Crimea e nel Mar Nero o alle segretissime sortite dei droni sui cieli dell’Ucraina e del Donbass.

Continue reading