Feb 23 2020

Genova – Comunicato sul blocco dei carichi di guerra della Bahri Yanbu

Sono passati alcuni giorni dal presidio a Varco Etiopia contro l’arrivo della Bahri Yanbu e può essere il momento per alcune riflessioni e un abbozzo di bilancio.

Provando a districarsi nel grande meccanismo della guerra si corre il rischio di perdersi e di incrociare un’ipocrisia dopo l’altra. Di fronte a quest’enormità pare solitamente che non si possa fare nulla o che i gesti e le azioni rimangano di fatto inefficaci. A noi invece pare che quello che è successo negli ultimi mesi attorno alla lotta contro la Bahri sia importante e produca degli effetti reali: mentre conoscevamo conflitti semisconosciuti e luoghi dai nomi difficili abbiamo conosciuto altri compagni, vicini e lontani e che in qualche caso avevano cominciato questa battaglia ben prima di noi. Una dimostrazione della dimensione assunta è la variegata (e se consideriamo il giorno feriale e la pioggia, pure significativa) partecipazione al presidio di Lunedì 17: volevamo bloccare l’ingresso principale del porto e chi c’era è stato da subito disponibile a porsi su questo piano e il blocco è durato più di sette ore, in barba agli avanzamenti repressivi dei governi. Danni reali forse non molti, perché probabilmente le contromisure per la gestione del traffico portuale, deviato sui varchi secondari, erano state prese in anticipo. Continue reading


Feb 23 2020

Portiamo il conflitto dove inizia la guerra

Testo distribuito a Pisa e Livorno in occasione della giornata di
mobilitazione contro la guerra lanciata dai portuali genovesi.

Per il 17 febbraio, i portuali genovesi hanno lanciato una giornata di
mobilitazione contro la guerra in ogni città. Da fine maggio i
lavoratori del porto, appoggiati da alcuni solidali, lottano contro il
carico-scarico di materiale militare da parte della compagnia Bahri. Continue reading


Feb 23 2020

Scorda le basi. (L)otto marzo antimilitarista

CONTRO LA GUERRA E LA CULTURA DELLO STUPRO
PASSEGGIATA INTORNO ALLE RETI DEL POLIGONO DI TEULADA E AUTOESPLORAZIONE DELLE NOSTRE DUNE

L’image contient peut-être : 1 personne, texte Continue reading


Feb 21 2020

Turchia: nuove azioni dei Bambini del Fuoco

adattato da AnarchistsWorldWide

RISPONDIAMO NELL’UNICO LINGUAGGIO CHE COMPRENDONO

Continue reading


Feb 21 2020

Berlino, Germania: Attacco alla Thyssenkrupp, speculatrice di guerra, in solidarietà col Rojava

Nella notte fra il 30 ed il 31 gennaio 2020 abbiamo dato fuoco a svariati veicoli dell’azienda di armamenti Thyssenkrupp. Con quest’azione vogliamo mostrare la nostra solidarietà con la lotta di autodifesa portata avanti dalle forze del Rojava contro la Turchia. Continue reading


Feb 12 2020

Giornata di mobilitazione contro la guerra


Feb 12 2020

Genova- volantino in solidarietà con Alfredo e Nicola

Inviamo un contributo che distribuiremo nell’occasione di un corteo indetto a Genova per il 7 dicembre prossimo nell’ambito di una campagna di boicottaggio promossa da una rete antagonista antimilitarista contro Leonardo/Finmeccanica.

Saremo presenti in quella situazione perchè ci sembra doveroso ricordare l’attacco scagliato da Alfredo e Nicola contro Ansaldo Nucleare e Finmeccanica per il suo imprescindibile contributo alla lotta contro il nucleare e l’industria bellica.

Saremo quindi presenti all’appuntamento indetto dalla rete antimilitarista il giorno 7 dicembre alle ore 15.30 in Piazza Baracca a Sestri Ponente a Genova.

Anarchici genovesi Continue reading


Feb 12 2020

Sardegna – Riflessioni a margine dell’Operazione Lince

Riceviamo a pubblichiamo lo scritto dell’Assemblea per l’Autodeterminazione, in merito all’Operazione Lince e alle richieste di Sorveglianza Speciale, il doppio colpo repressivo partito a settembre 2019 verso le lotte antimilitariste sarde.

Scarica, leggi e diffondi lo scritto: Riflessioni a margine dell’Operazione Lince

“Rispondere alla repressione significa, ora più che mai, opporsi ad azioni immonde come la guerra, alla povertà che da questa ne deriva, al conseguente ordinario controllo delle autorità, ed è oramai non solamente doveroso, ma necessario.
Quanto accaduto in Sardegna – e in particolare a Cagliari – non ci stupisce, e in parte forse c’era da aspettarselo. Lottare contro la guerra e i suoi loschi interessi non è una cosa che lo Stato può far passare liscia, se poi si unisce il fatto che a farlo sono migliaia di persone con molte pratiche differenti, tutte ugualmente rispettate, ecco che forse appare ancora più scontato. Se fra questi poi si annidano dei sognatori testardi e ribelli, a cui non basta l’idea di un mondo senza eserciti, ma sognano un mondo di libertà e uguaglianza, allora si ha quasi la certezza che lo Stato reprimerà.”


Dic 29 2019

Berlino, Melbourne, Kiev – Azioni in solidarietà al Rojava che resiste

Testi tradotti da AnarchistsWorldwide

Berlino, Germania, #Fight4Rojava : Attacchi contro fabbrica di armi e speculatori della guerra

13 dicembre 2019: in una campagna coordinata, due sedi della Turkish İşbank (a Kottbussertor, Kreuzberg e a Leopoldplatz, Wedding) così come una sede di Jenoptik in Max-Planck-Straße 2, ad Adlershof, sono state attaccate stanotte. Jenoptik è un’azienda di armamenti che produce videocamere e sistemi di ricerca a infrarossi che vengono usati su mezzi blindati e droni. La Turkish İşbank è parte integrante dello Stato turco e gioca un ruolo importante nel finanziamento e nel mentenimento del regime fascista di Erdogan. Continue reading


Dic 29 2019

Torino – Danneggiate cinque banche in solidarietà con gli imputati nel processo per l’operazione “Renata”

Da RoundRobin

“Danneggiate in data 27 novembre 2019 cinque banche in solidarietà a compagne e compagni trentini colpiti da operazione Renata”